Scontro fra treni, l’abitudine estiva del Sud dimenticato

Di pubblicato su Parliamone il 13/06/2017
Scontro fra treni, l'abitudine estiva del Sud dimenticato

L’incidente ferroviario in Salento arriva a un anno di distanza dal terribile scontro fra treni del 2016 tra Andria e Corato, in cui morirono 23 innocenti.

Ho tremato, nel leggere il lancio Ansa sul mio vecchio e malridotto smartphone di seconda mano. Un altro scontro fra treni, ancora un frontale e, purtroppo, ancora Puglia. Cambia soltanto lo scenario. Non ci troviamo nelle campagne andriesi, bensì poco fuori dalla Firenze del Sud, Lecce. Per esattezza a Galugnano, frazione di San Donato.

Ecco dunque che il popolo italiano scopre, d’improvviso, il nome di una località sconosciuta fino alle 17:30 di oggi, 13 giugno 2016. Galugnano come Corato, appena toccata dalla ferrovia Bari-Barletta e teatro della morte di 23 persone il 12 luglio 2016.

Tutto sembra rassomigliarsi come fosse un grottesco scherzo del destino, che gioca con gli errori umani da cui mai riusciamo ad imparare. Possiamo dire che, come il cornetto gelato, il calciomercato e gli esami di maturità, i frontali tra treni in Puglia sono ormai un’abitudine estiva.

Scontro fra treni nel 2017: terrorismo di Stato

Scontro fra treni, abitudine estiva del Sud dimenticato

Fonte della foto: Wikipedia

Ancora oggi, in Italia, si può morire per un incidente frontale in treno. Lavoratori, turisti, giovani studenti e famiglie che scelgono o sono obbligati a viaggiare su rotaie, rischiano di rimetterci la pelle.

Basta osservare le prime immagini dell’incidente di Lecce per comprendere l’anacronismo, la mancanza di sicurezza e tecnologia di un sistema ferroviario inadeguato e assassino. Un’arma incontrollabile che diventa vero e proprio terrorismo di Stato.

L’organismo pubblico, che dovrebbe essere la rappresentazione di un ideale di sicurezze, primo protettore della vita dei cittadini, abbandona alla sorte la sorte di migliaia di vite. Si parla di errore umano, di svista, gettando l’ancora della vergogna nelle braccia del primo malcapitato. Un operatore ferroviario la cui unica colpa è di essere inadeguato come l’intero sistema a cui appartiene, iniziando dai dirigenti fino all’ultimo dei raccomandati.

Siamo un grande paese continuiamo a ripeterci da anni… Al contrario, siamo un paese allo sbando che deve la propria salvezza alla mera casualità. La stessa che oggi ha impedito un’altra catastrofe estiva.

La ‘grande politica‘ che si dimentica del Sud

Caos Italia, Stato Criminale

Già in riferimento ai fatti di Rigopiano, cercai di portare alla luce il quarto problema della politica italiana. Oltre ad essere profondamente corrotta, impreparata e clientelista, naviga da sempre su una portaerei di cartapesta.

Roma dirige sforzi cognitivi e dialettici verso problematiche di altissimo livello (Europa, Mercato Internazionale, G7, Nato…) quando dovrebbe, al contrario, occuparsi solamente di una cosa: favorire lo sviluppo.

L’incidente ferroviario che, ringraziando Dio, Allah, Budda, Yahweh e Visnu, non ha ammazzato altri innocenti, ci ricorda che ancora non esiste sviluppo nel Sud Italia. Le poche iniziative promosse, si devono più al talento e il coraggio individuale che ad un’organica azione governativa.

Nel nostro amato e bellissimo Mezzogiorno non potrà mai esserci pace, equilibrio sociale e benessere allargato (mai per tutti) solamente in presenza di sviluppo. E questo nasce da elementi come opere pubbliche, benzina a basso costo e, soprattutto, vie di comunicazione. Cioè ferrovie, treni, rotaie, connessioni tra località a basso costo.

Ma ciò non interessa, non è mai interessato e mai interesserà. Continuiamo a parlare di grandi progetti, da Expo a Olimpiadi, da viaggi nello spazio a missioni militari. Intanto, i nostri fratelli pugliesi continuano a crepare sui treni.

Manca un’impostazione nelle priorità di intervento dello Stato, che è sempre più distratto, lontano, autoreferenziale e chiacchierone. Oggi, per puro caso, non ci troviamo a piangere altre venti vittime. E’ giusto tutto questo? Possibile che non si riesca mai a creare possibilità? Continuiamo a vivere di speranza.

Come quella di chi, domani, prenderà un altro treno in Puglia. Sperando di non morire nell’ennesimo frontale.

Foto principale: Old train rust (Wikipedia)

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *