Ristrutturare casa, 5 consigli da non perdere

Se avete deciso di ristrutturare casa, ecco 5 consigli fondamentali per rinnovare ogni ambiente e abitazione nel modo più rapido, efficace ed economico.

Diciamoci la verità, la crisi economica ha colpito pesantemente il mercato immobiliare. A tal punto che, oggi, in moltissimi preferiscono ristrutturare casa piuttosto che cercarne una nuova. Rinnovare un appartamento o anche solo alcune abitazioni, può però diventare assai complicato e oneroso. Per poter ristrutturare con successo qualsiasi casa, in città o in campagna, è bene seguire pochi consigli utili per poter risparmiare tempo e soldi.

Come ristrutturare casa in modo facile

Il primo consiglio da tenere presente è semplice quanto cruciale. Prima di iniziare qualsiasi lavoro, conviene procurarsi una planimetria della casa e stabilire un piano d’azione. In questo modo, non solo riuscirete a risparmiare tempo, assegnando priorità ai lavori da fare, ma risparmierete tempo. Per esempio, intervenendo in modo ordinato e sequenziale.

In secondo luogo, conviene sempre ricorrere ad una divisione operativa dei lavori, partendo sempre dal basso verso l’alto. Iniziate dalla scelta dei pavimenti: marmo, parquet o gres… Poi dedicatevi a tutto il resto: pareti, infissi, lampadari e via fino a soppalchi e tetto.

Ristrutturare casa a prezzi low cost

Il terzo aiuto che ci sentiamo di darvi è, questa volta, a livello puramente economico. Ristrutturare una casa in città richiede spesso un significativo esborso. Anche se risparmierete sulla mano d’opera, tenete presente che, grazie ad email e numeri di telefono, potrete facilmente raggiungere fornitori anche in provincia.

Se volete ristrutturare casa a Milano, Roma o Napoli, sicuramente troverete grandi sconti e offerte presso negozi lontani, in paesi e cittadine limitrofe. Inoltre, quasi sicuramente potrete contare su un trattamento assai più diretto e leale.

Ristrutturare casa in città e in campagna

Esistono poi delle differenze tra i lavoro di ristrutturazione in un condominio cittadino rispetto ad una più comoda villetta o chalet in campagna (o al mare). Come quarto consiglio, vi suggeriamo di scegliere bene i tempi per ristrutturare gli ambienti.

In città, è preferibile avviare i lavori in epoca estiva, con l’obiettivo di disturbare il meno possibile chi vi vive vicino. In campagna, o al mare, in genere la quantità di lavoro è superiore, per ampiezza degli spazi. Il vantaggio è però quello di poter lavorare senza limiti di rumore od orario.

Concludiamo ricordando quello che, più di un mero consiglio, è una regola d’oro per chi vuole ristrutturare casa: poco e piano. Evitate di sobbarcarvi di imprese colossali. Meglio suddividere i lavori per poter avere un controllo diretto e applicare modifiche sul momento, evitando un esborso di denaro immediato. Meglio affrontare ogni lavoretto per volta e avanzare con calma, per avere una casa completamente nuova senza stress e imprevisti.

Casas de lujo en Valencia, dónde y cómo comprar

Comprar casas de lujo y chalets en Valencia es una inversión perfecta si queréis disfrutar de las bellezas y comodidades de una ciudad realmente única.

Ha cambiado mucho, Valencia en los últimos anos. La capital de la Comunitat hoy es uno de los destinos turísticos más importantes a nivel europeo, con más de 8 millones de visitantes solo en 2016. Un resultado fruto de sus increíbles lugares de interés y un mercado del ocio que puede satisfacer las exigencias de personas de todas las edades.

Su magnifico y moderno puerto de la Copa America, las obras de Calatrava con la majestuosa Ciudad de las Artes y de las Ciencias, el Oceanográfico o el Bioparc, son algunos de los elementos mas característicos de una ciudad que ha sabido conquistar el publico de todo el mundo. Todo esto sin olvidarnos del centro histórico, rico en tesoros artísticos y monumentos emblemáticos. Valencia es la ciudad del Cid, de Jaume I y, también, del Santo Grial.

Todo esto sin olvidarnos que la Capital valenciana está considerada como una de las 50 mejores ciudades del mundo por su calidad de la vida y sostenibilidad. Son muchos los espacios verdes dentro de la ciudad. Por ejemplo, el Río Turia ha sido convertido en uno de los pulmones verdes más bellos y amplios a nivel europeo. Entre embajadas, edificios de nueva construcción, calles y avenidas alberadas y un sinfin de museos, restaurantes y lugares de ocio, Valencia es hoy una de las ciudades más interesantes para realizar una inversión inmobiliaria gracias a su increíble proyección hacia el futuro.

Encontrar casas de lujo en Valencia

El nuevo desarrollo urbano de la ciudad ha permitido la renovacion de antiguas fincas y la construccion de nuevos edificios de lujo que, hoy, representan una gran oportunidad de inversion.

Comprar una casa de lujo en Valencia puede resultar complicado, si no se conoce la ciudad y si no disponde de mucho tiempo libre. Hay zonas como Avenida de Francia o Cortes Valencianas donde un posible inversor puede llegar a perderse, por la dificultad de poder elegir la mejor solucion.

Hay empresas como Oi Realtor que desde hace mucho anos se dedican al mercado inmobiliario de lujo y sus expertos podran conseguir siempre los mejores resultados en el menor tiempo posible. El objetivo es solo uno: conseguir la mejor casa de lujo en Valencia con un trato personalizado, directo y sin sorpresas ni imprevistos.

Las mejores casas de lujo y chalets en Valencia

Si os estáis preguntando como o donde encontrar chalets y casas de lujo en Valencia, es importante tener presente 5 elementos fundamentales.

  • Ante todo, pedir informaciones no a una inmobiliaria cualquiera, si no a una empresa experta en el mercado de lujo y que tenga un amplio conocimiento de Valencia. Elegir Oi Realtor significa calidad y ahorro de tiempo.
  • En segundo lugar, es importante evaluar diferentes opciones, según vuestras necesidades. Es posible comprar una casa de lujo en Valencia en las zonas más ricas en pubs y restaurantes, por ejemplo si queréis disfrutar de la movida valenciana. Por otro lado, si tenéis una familia numerosa, hay pisos de primera calidad a pocos metros de colegios y universidades de renombre. Valencia ofrece mucho a los pequeños de la casa y hay fincas de lujo cerca de zonas verdes o, por ejemplo, con pista de tenis, piscinas y hasta delante de la playa.
  • Confiar en una inmobiliaria de lujo en Valencia, os permitirá también descubrir verdaderas joyas escondidas. El antiguo barrio del Carmen o barrios como Ruzafa o Canovas, incluyen pisos de lujo, áticos o duplex, a los que difícilmente podríais llegar sin la experiencia de Oi Realtor. Imaginad que bonito seria disfrutar de la piscina en vuestro ático, tomando una copa de Rioja y mirando el skyline dominado por la torre del Micalet.
  • Comprar una casa de lujo en Valencia significa también poder disfrutar de las famosas Fallas, de un punto de vista privilegiado. Tener un piso de alto standing en la Plaza del Ayuntamiento o en la zona de Convento Jerusalén o Calle Colon, os permitirá vivir las Fallas como protagonistas, gracias a balcones y terrazas que os otorgaran un panorama único y muy colorido.
  • En ultimo, si buscáis algo mas de tranquilidad e intimidad, hay chalets de lujo cerca de Valencia realmente imperdibles. Se trata de la ocasion de vivir en pleno contacto con la naturaleza sin renunciar a los servicios de la ciudad. Zonas como Mas Camarena, Torre en Conill o localidades como Chiva, Betera o L’Eliana ofrecen chalets de lujo con piscinas y cerca de campos de golf y colegios internacionales para vuestros hijos. Gracias a Oi Realtor podríais vivir en un verdadero oasis a tan solo 10 minutos de Valencia.

Tu inmobiliaria de lujo en Valencia

Es buena idea buscar y comprar casas de lujo en Valencia. Para poder ahorrar tiempo y conseguir lo mejor para vosotros y vuestras familias, es suficiente confiar en Oi Realtor. Los mejores expertos en el mercado inmobiliario de lujo en toda la Comunidad Valenciana.

Hemos visto cuanto Valencia puede ofrecer de un punto de vista cultural y de ocio. Esta ciudad representa la perfecta sintesis entre pasado y futuro, con preciosas playas y la naturaleza salvaje del Lago Albufera, distante apenas unos minutos del centro histórico. Cultura, arte, deporte, ocio y naturaleza

Sin dudas, comprar una casa de lujo o un chalet en Valencia es una gran oportunidad de inversión. Tanto si queréis disfrutar de su alta calidad de la vida y su clima único, como si buscáis una fuente de ingresos extra. En Valencia hay mucho directivos, turistas extranjeros y estudiantes. Tener un piso de alto standing os permitirá rentabilizar ulteriormente vuestra inversión y con interesantes beneficios.

Scontro fra treni, l’abitudine estiva del Sud dimenticato

Scontro fra treni, l'abitudine estiva del Sud dimenticato

L’incidente ferroviario in Salento arriva a un anno di distanza dal terribile scontro fra treni del 2016 tra Andria e Corato, in cui morirono 23 innocenti.

Ho tremato, nel leggere il lancio Ansa sul mio vecchio e malridotto smartphone di seconda mano. Un altro scontro fra treni, ancora un frontale e, purtroppo, ancora Puglia. Cambia soltanto lo scenario. Non ci troviamo nelle campagne andriesi, bensì poco fuori dalla Firenze del Sud, Lecce. Per esattezza a Galugnano, frazione di San Donato.

Ecco dunque che il popolo italiano scopre, d’improvviso, il nome di una località sconosciuta fino alle 17:30 di oggi, 13 giugno 2016. Galugnano come Corato, appena toccata dalla ferrovia Bari-Barletta e teatro della morte di 23 persone il 12 luglio 2016.

Tutto sembra rassomigliarsi come fosse un grottesco scherzo del destino, che gioca con gli errori umani da cui mai riusciamo ad imparare. Possiamo dire che, come il cornetto gelato, il calciomercato e gli esami di maturità, i frontali tra treni in Puglia sono ormai un’abitudine estiva.

Scontro fra treni nel 2017: terrorismo di Stato

Scontro fra treni, abitudine estiva del Sud dimenticato

Fonte della foto: Wikipedia

Ancora oggi, in Italia, si può morire per un incidente frontale in treno. Lavoratori, turisti, giovani studenti e famiglie che scelgono o sono obbligati a viaggiare su rotaie, rischiano di rimetterci la pelle.

Basta osservare le prime immagini dell’incidente di Lecce per comprendere l’anacronismo, la mancanza di sicurezza e tecnologia di un sistema ferroviario inadeguato e assassino. Un’arma incontrollabile che diventa vero e proprio terrorismo di Stato.

L’organismo pubblico, che dovrebbe essere la rappresentazione di un ideale di sicurezze, primo protettore della vita dei cittadini, abbandona alla sorte la sorte di migliaia di vite. Si parla di errore umano, di svista, gettando l’ancora della vergogna nelle braccia del primo malcapitato. Un operatore ferroviario la cui unica colpa è di essere inadeguato come l’intero sistema a cui appartiene, iniziando dai dirigenti fino all’ultimo dei raccomandati.

Siamo un grande paese continuiamo a ripeterci da anni… Al contrario, siamo un paese allo sbando che deve la propria salvezza alla mera casualità. La stessa che oggi ha impedito un’altra catastrofe estiva.

La ‘grande politica‘ che si dimentica del Sud

Caos Italia, Stato Criminale

Già in riferimento ai fatti di Rigopiano, cercai di portare alla luce il quarto problema della politica italiana. Oltre ad essere profondamente corrotta, impreparata e clientelista, naviga da sempre su una portaerei di cartapesta.

Roma dirige sforzi cognitivi e dialettici verso problematiche di altissimo livello (Europa, Mercato Internazionale, G7, Nato…) quando dovrebbe, al contrario, occuparsi solamente di una cosa: favorire lo sviluppo.

L’incidente ferroviario che, ringraziando Dio, Allah, Budda, Yahweh e Visnu, non ha ammazzato altri innocenti, ci ricorda che ancora non esiste sviluppo nel Sud Italia. Le poche iniziative promosse, si devono più al talento e il coraggio individuale che ad un’organica azione governativa.

Nel nostro amato e bellissimo Mezzogiorno non potrà mai esserci pace, equilibrio sociale e benessere allargato (mai per tutti) solamente in presenza di sviluppo. E questo nasce da elementi come opere pubbliche, benzina a basso costo e, soprattutto, vie di comunicazione. Cioè ferrovie, treni, rotaie, connessioni tra località a basso costo.

Ma ciò non interessa, non è mai interessato e mai interesserà. Continuiamo a parlare di grandi progetti, da Expo a Olimpiadi, da viaggi nello spazio a missioni militari. Intanto, i nostri fratelli pugliesi continuano a crepare sui treni.

Manca un’impostazione nelle priorità di intervento dello Stato, che è sempre più distratto, lontano, autoreferenziale e chiacchierone. Oggi, per puro caso, non ci troviamo a piangere altre venti vittime. E’ giusto tutto questo? Possibile che non si riesca mai a creare possibilità? Continuiamo a vivere di speranza.

Come quella di chi, domani, prenderà un altro treno in Puglia. Sperando di non morire nell’ennesimo frontale.

Foto principale: Old train rust (Wikipedia)

5 lavori che Francesco Totti potrebbe fare dopo il ritiro

5 lavori che Francesco Totti potrebbe fare dopo il ritiro

Che lavoro farà Francesco Totti dopo l’addio al calcio? Vediamo assieme le 5 possibili professioni che meglio si adattano al leggendario capitano della Roma.

Gli occhi del popolo romanista sono ancora gonfi di lacrime. Sono passate soltanto alcune ore dall’ultima partita di Francesco Totti con la maglia della AS Roma ma è evidente che la commozione riempirà in modo costante i prossimi giorni e le prossime settimane.

Venticinque anni. Due parole che si pronunciano velocemente ma che trovano eco in una miriade di imprese. Record, vittorie e sconfitte che, in molti, nella Capitale, rimpiangeranno per sempre. Er Pupone, l’Ottavo Re di RomaEr Capitano e, ancora, Er bimbo de oro. Quel ragazzino di Porta Metronia divenuto bandiera, simbolo e paradigma stesso del calcio italiano, a partire da settembre, dovrà cercarsi un altro lavoro.

Le principali testate sportive, ma non solo, stanno dedicando chilometri di inchiostro alla giusta celebrazione di un calciatore che, prima di tutto, è stato tifoso e uomo genuino. Mostrandosi sempre senza vergogna, con tutti i difetti del caso (sputo a Poulsen e calcione a Balotelli inclusi). Putroppo però, come cantavano Neffa e i Messaggeri della Dopa: “il passato è già passato e mò il passato se lo tiene” (Aspettando il sole, 1996).

Dunque guardiamo oltre e cerchiamo di capire cosa farà, da grande, il leggendario numero 10 romanista. Un gioco simpatico, per sdrammatizzare un poco. Dimenticare la nostalgia delle lacrime e ricordare a tutti noi che è sempre e soltanto il tempo, il vero nemico dell’uomo. Ecco dunque i 5 lavori che Francesco Totti potrebbe fare dopo il ritiro.

Francesco Totti allenatore?

5 lavori che Francesco Totti potrebbe fare dopo il ritiro

Francesco Totti contro la Fiorentina (foto di Roberto Vicario)

Chi conosce l’ambiente romanista, sa bene che il ritiro di Totti è stato veicolato dall’intera dirigenza giallorossa. Da un punto di vista fisico, per stessa ammissione di Spalletti e compagni, il “Capitano” avrebbe potuto reggere bene ancora una o più stagioni. A chi ha messo in discussione la sua tenuta o velocità, va ricordato che mai Francesco fu giocatore dotato di rapidità e scatto fulminanti.

Allenatori scadenti come Carlos Bianchi, che voleva cederlo alla Samp, lo consideravano lento, per quello conformazione fisica che, affettuosamente, Batistuta chiamò “culo basso“.

Il primo lavoro che Er Pupone potrebbe svolgere è sicuramente quello dell’allenatore. Certo, non è una professione che si improvvisa. Occorre studiare, superare esami e prendere i vari tesserini, per poter sedere nei campionati superiori. Ma certamente,  a livello di giovanili, il campione romanista potrebbe davvero dare tanto. Immaginate cosa succederebbe in Curva Sud al primo derby vinto da ‘Mister Totti’…

Francesco Totti dirigente?

Se non dovesse mostrare inclinazione per schemi e tattica, questo genio del lancio in profondità e del tiro al volo, potrebbe disimpegnarsi perfettamente anche come dirigente. In questo senso, esistono diversi ruoli che il Campione del Mondo 2006 potrebbe ricoprire.

Direttore Sportivo, magari inizialmente accanto a qualcuno più veterano di lui. Un giocatore delle sue qualità tecniche è sicuramente in grado di riconoscere il talento e anche in modo abbastanza rapido. Altrimenti, da Team Manager. Vista l’età potrebbe fare da collante tra rosa e dirigenti, risolvendo i piccoli conflitti interni, aiutando i giovani o gli stranieri ad inserirsi, continuando a svolgere un ruolo di primissimo piano come uomo squadra.

Infine, il Direttore Generale, posizione a cui ambire più in là, tra quindici o vent’anni. Una volta acquisita la giusta conoscenza del funzionamento e della gestione di un club. Scaltrezza e intuito certamente non gli mancano e sono doti fondamentali nel mondo del football business.

Francesco Totti presidente dell’AS Roma?

5 lavori che Francesco Totti potrebbe fare dopo il ritiro

Francesco Totti contro il Liverpool (foto di Dudek1337)

Diciamoci la verità, sarebbe un sogno. Magari non nella veste di presidente CEO, quanto di presidente onorario in funzioni. Un modo per assicurare l’eredità della cultura sportiva romana. Un simbolo vivente della storia del calcio di Roma che ha doti non comuni di comunicazione e il vantaggio di essere apprezzato, riconosciuto ed amato praticamente in ogni angolo del pianeta.

Una sorta di ambasciatore del marchio Roma a tutti gli effetti. Con la forza di un protagonista assoluta della storia che si vuole raccontare. Da un punto di vista di politica sportiva, inoltre, rappresenterebbe la perfetta sintesi tra l’ex campione vincente e l’affabile manager, con crediti infiniti nei confronti di tifosi, fan e altri club.

Francesco Totti Sindaco di Roma?

5 lavori che Francesco Totti potrebbe fare dopo il ritiro

Francesco Totti durante un pre-partita (foto di Ytoyoda)

Tra i 5 lavori che Totti potrebbe fare, dopo l’addio al calcio, non possiamo evitare questa, se non altro, affascinante possibilità. Soprattutto se consideriamo il calo di consensi dell’attuale sindaca Raggi. Se si andasse a votare subito, è assai probabile che, a vincere, sarebbe l’eroe del terzo scudetto romanista.

E il programma elettorale? Superfluo. Da solo, Francesco Totti incarna alla perfezione tutto ciò che è romano. Dall’accento, lo sfottò e l’ironia trilussiana, fino al modo di gesticolare e usare parole e termini che risultano familiari solamente a chi vive aldiquà del Grande Raccordo Anulare. La folle città che Cesare chiamerebbe Roma citeriore

Dalla sua parte ha la conoscenza dell’Urbe, dei suoi problemi e del suo popolo, che lo stima ed è come lui. Inoltre, possiede la genuinità del buono e una scarsissima voglia di rubare. Semplicemente perché non ne ha bisogno. Anzi, datelo per certo, qualche buca l’attapperebbe di tasca sua.

Francesco Totti opinionista, presentatore, attore…

Avendo una moglie soubrette, le incursioni di Checco nel mondo dello spettacolo sono state più che frequenti. Adesso, però, con maggiore libertà e tempo a disposizione, gli orizzonti sono davvero amplissimi.

Da chi ipotizza addirittura un film sulla storia del calciatore, con Totti che impersona sé stesso, fino al possibile approdo in RAI o a SKY. Certo, gli spettatori ne vedranno delle belle, ogniqualvolta si dovesse presentare una diatriba su Roma, Juventus, arbitri e compagnia cantando. Sicuramente Er Capitano saprebbe regalare spunti simpatici e sinceramente comici.

Potrebbe magari accompagnare la moglie Ilary in qualcuno dei suoi programmi o prestare volto e corpo alla moda, o al nuovo film di Carlo Verdone o dei Fratelli Vanzina. Il giornalista Mario Sconcerti ha definito Francesco “l’Alberto Sordi del calcio italiano” e, forse, non ha tutti i torti.

La verità? Il futuro può ancora regalargli molto

ecco i 5 lavori che Francesco Totti potrebbe fare dopo il ritiro

Francesco Totti prima di una partita con la Roma (Romazone)

Allenatore, dirigente, presidente. E, ancora, sindaco, opinionista, attore… Nel mostrare il suo lato debole, domenica sera all’Olimpico, ammettendo di “avere paura”, questo giovane quarantenne si è dimenticato, per un momento, della sua natura speciale.

Dio crea gli uomini a sua immagine e somiglianza, ci hanno spiegato in oratorio. Ma, alcuni, parafrasando Orwell, sono più simili a lui che altri. Francesco Totti ha fatto bene da calciatore perché ha saputo sacrificare tutto in nome di un obiettivo. Il talento è nullo senza umiltà, costanza e voglia di migliorarsi. Sempre.

Tali qualità non scompariranno con l’appendere al chiodo i fantomatici scarpini. Al contrario, seguiranno accompagnandolo e gli permetteranno, se lui vorrà, di ottenere risultati altrettanto memorabili.

Foto principale: Franceso Totti in campo contro il Chelsea (10 agosto 2013, Warrenfish)

Ecco come le donne transessuali femminilizzano la voce

Ecco come le transessuali imparano a parlare come donne

Cambiare vita per le donne transessuali è un processo lungo e complicato che richiede un enorme sforzo anche per quanto riguarda la voce.

La superficialità è il minimo comun denominatore di qualsivoglia discorso che riguardi il mondo delle donne transessuali. Soprattutto in Italia, si tende a dare un giudizio morale su persone che, liberamente, decidono di affrontare il complicatissimo iter del cambio di sesso.

Si tratta di un percorso difficile, lento e provante. Non solo richiede un considerevole esborso di denaro, soprattutto produce un enorme dispendio di energie mentali e fisiche. Non si diventa transessuali in un giorno, per gioco, per un semplice vizio.

Cure ormonali, interventi chirurgici e non solo. E tutto, costantemente, in una società che giudica, accusa e punta il dito, senza nemmeno sentire lo scrupolo di approfondire e informarsi. Al dolore fisico, agli ostacoli di natura psicologica, si aggiunge anche l’indifferenza, la malvagità e il disprezzo dei più.

Un nuovo corpo, una nuova voce

Parlando dell’argomento, in generale, se ci riferiamo a donne e ragazze transessuali, tendiamo ad evidenziare modificazioni sul piano fisico, ossia, estetico. Labbra, naso, occhi, acconciatura, stile di abbigliamento. A questo sicuramente si aggiunge il modo di muoversi, gesticolare e camminare. Donne intrappolate nel corpo di un uomo che finalmente, per fortuna, acquisiscono una propria libertà. Così grande, così intensa, che può mettere in ginocchio anche il più coraggioso.

E la voce? Ecco dunque un tema di cui si è parlato, finora, assai poco. Un nuovo corpo richiede una nuova voce. Se, da un lato, gli ormoni maschili sono in grado di modificare efficacemente, e naturalmente, le corde vocali di una donna, al contrario questo processo è inviabile.

Come fanno, dunque, le ragazze transessuali ad acquisire una voce femminile, adeguata e giusta per la nuova vita che le attende?

Voce umana cambio transessuali

Le corde vocali umane (Ventonuovo.eu)

Costruire una nuova voce

La voce maschile e quella femminile posseggono frequenze coincidenti in uno spettro compreso tra i 128 e i 260 hertz. La vera differenza risiede in aspetti come:

  • la melodia
  • la sonorità
  • la risonanza
  • il ritmo.

Lasciando da parte i delicatissimi interventi di chirurgia, per poter costruire una nuova voce, le donne transessuali possono ricorrere alla logopedia. O, per meglio dire, alle terapie per la femminilizzazione della voce. Il lavoro si concentra su due aspetti:

Il primo, di natura muscolare e che interessa l’anatomia della produzione vocale. Il secondo, di natura prosodica, che corregge l’intonazione ed altri elementi non verbali. Per esempio l’uso di espressioni e la sintassi. Non basta parlare con il tono di una donna; occorre anche imparare a parlare come una donna.

La fine di un incubo

transessuali come cambiano voce

Una ragazza transessuale durante il Gay Pride 2008 in Brasile (Wikipedia)

Evidentemente, i migliori risultati si ottengono se la terapia avviene dopo il completamento della transizione fisica. Le ragazze imparano dunque a controllare la respirazione, a gestire l’intonazione e a usare un vocabolario adeguato. Ciò include anche movimenti naturali, come ridere, piangere, sbadigliare

I risultati sono davvero eccezionali e producono un duplice effetto positivo. Da un lato, le donne acquisiscono maggiore sicurezza e consapevolezza. Dall’altro si liberano dalla censura sociale che si innesca, in molte persone, nell’ascoltare una voce non perfettamente femminile.

In appena 10 sessioni, suddivise in quattro mesi, è possibile raggiungere quasi la perfezione. E’ un poco come andare in palestra: allenamento, costanza e tanta, tanta pazienza.

Fonte dell’articolo BBC.com – Foto principale: Casitti