Citometria a flusso, un nuovo modo per analizzare il latte

Citometria a flusso

La tecnologia è un grande alleato per la sicurezza dell’uomo. Viene impiegata per migliorare le nostre vite e rendere più vivibile il nostro pianeta. E’ grazie a lei che oggi l’aspettativa di vita continua ad espandersi, con un notevole aumento della qualità della vita. Tuttavia, esistono delle applicazioni della tecnologia che non tutti hanno la possibilità di notare ed apprezzare, specialmente se ci riferiamo all’ambito alimentare e, più precisamente, all’industria lattiero-casearia.

In Europa, secondo i dati pubblicati dal CLAL, nel 2017 ogni cittadino europeo ha consumato circa 65,75 kg di latte, 4,28 kg di burro, 18,02 kg di formaggi, 1,83 kg di latte scremato e 0, 66 kg di polvere di latte intero.

Insomma, parliamo di una serie di prodotti quotidianamente presenti nella dieta di ognuno di noi. E, per garantire l’assoluta sicurezza del latte e i suoi derivati, è necessario che le aziende produttrici e gli allevatori rispettino tutta una serie di regole e norme, sia di carattere legale che igienico-sanitario. Ma cosa si nasconde dietro tutti questi beni alimentari che arrivano così facilmente nei nostri frigoriferi? Sicuramente un’attenta e precisa analisi.

L’importanza dell’analisi del latte

Bentley Instruments, dal 1982 soluzioni innovative per l'industria del latte

Come si sa, sono davvero molti gli elementi presenti nel latte, per esempio: l’acqua, il grasso, la proteina, la caseina, le cellule somatiche, la carica batterica, etc. Tutti questi componenti devono essere analizzati e quantificati. Sia per verificare il rispetto delle regolamentazioni, a cui accennavamo prima, sia per avere la certezza della cosiddetta attitudine casearia. Ovvero la capacità del prodotto per poter essere commercializzato e, quindi, consumato.

Cosa c’entra allora la tecnologia, con questo discorso? Ovviamente, per poter realizzare tutti i test e prove necessarie sul latte, aziende e produttori per anni hanno impiegato una serie di metodi di misurazione spesso lenti e assai costosi. Oggi, grazie appunto alle nuove scoperte tecnologiche, è possibile realizzare studi analitici sul latte in modo rapido, più preciso e a basso costo. E’ il caso, per esempio della citometria a flusso.

Cos’è la citometria a flusso e a cosa serve

Questa tecnica laser, sviluppata in ambito biologico, serve per contare, separare e rilevare le cellule presenti nel latte. Consente di analizzare, simultaneamente, più parametri su migliaia di cellule, al secondo. Parliamo di dati fisici e chimici che sono fondamentali per diagnosticare alcune malattie dell’animale (problemi metabolici, tumori, ) e anomalie dei prodotti lattiero-caseari, anche legati all’uso improprio di medicinali o antibiotici.

In particolare, questa citometria a flusso offre la grande opportunità di contare il differenziale DSCC relativo alle cellule somatiche. Tali cellule, presenti nel latte, sono leucociti classificati in tre gruppi: macrofagi, linfociti e neutrofili.

Analisi del latte, una garanzia per la nostra salute

I macrofagi rappresentano la base del sistema immunitario dell’animale: per determinare lo stato di salute di una mucca, per esempio, basterà controllare che il loro numero sia elevato, con pochi linfociti e neutrofili. Questo significa dunque la possibilità di bloccare una eventuale partita di latte inadeguato per il consumo e anche l’intervento su un animale che può comunque essere recuperato, grazie alle cure tempestive.

Strumenti di analisi per citometria a flusso

La citometria a flusso si sta evolvendo molto rapidamente e permette di fornire agli operatori di settore importanti informazioni sia sul latte di massa che su quello individuale. L’azienda americana Bentley Instruments, da anni si dedica all’analisi del latte e ha inserito questa nuova tecnologia della citometria a flusso in tre suoi macchinari di ultima generazione:

  • BACTOCOUNT IBC-M: consente la determinazione precisa ed affidabile di batteri individuali e cellule somatiche nel latte crudo.
  • SOMACOUNT™ FC: permette un conteggio preciso ed affidabile di cellule somatiche del latte crudo.
  • SOMACOUNT™ FCM: fornisce misure rapide e precise per il rilevamento di mastiti, tramite il conteggio di cellule somatiche nel latte crudo.

Analisi automatizzata del latte