L’Olio extravergine Battaglini diventa Slow Food

olio versato su olive

I 1000 olivi secolari dell’Azienda Agricola e Frantoio Battaglini hanno ricevuto un riconoscimento davvero importante, un premio per l’impegno di questa realtà imprenditoriale che, dagli Anni ’30, ha sempre puntato sull’amore per il territorio e il rispetto delle tradizioni.

Ci troviamo nel cuore della Tuscia, in un oliveto che cresce a 450 metri sul livello del mare, a pochi metri dal bacino vulcanico più grande d’Europa, il lago di Bolsena. E’ qui che i fratelli Andrea e Stefano Battaglini producono un olio pregiato e apprezzato in tutto il mondo, per il suo aroma e la sua qualità. Un tesoro di cultura e storia che va e deve essere salvaguardato.

Arriva quindi, nel 2018, il prestigioso ingresso dell’Azienda Battaglini nel ristretto cerchio dei Presidi Slow Food italiani, che sancisce e sottolinea un percorso netto di una produzione portata avanti nel segno della tutela dell’ambiente e della passione per il proprio passato.

Frantoio Antica Tuscia: l’Olio Battaglini griffato Slow Food

facciata del frantoio battaglini

Si chiama “Frantoio  Antica  Tuscia” , questo formidabile olio d’oliva biologico e che nasce da 400 piante di olivo da frantoio, 350 di leccino e 250 di olivo caninese. Questa unione di profumi, più intenso quello della varietà da frantoio, più equilibrato il leccino, con le tipiche note aromatiche del caninese, offre al consumatore un olio davvero unico nel suo genere. Un prodotto di altissima qualità, soprattutto antico e legato indissolubilmente al territorio.

Come si coltiva un olio Slow Food

Per poter diventare Presidio Slow Food, l’Azienda Battaglini ha scelto dei fertili esclusivamente biologici per i suoi terreni. A questo va aggiunto l’intervento delle erbe spontanee, tagliate ma lasciate sul campo in modo da fornire sostanze organiche e limitare la perdita d’acqua dal suolo.

Va notato che gran parte del lavoro è stato svolto proprio dalla natura. I 1000 olivi secolari non sono stati annaffiati né trattati con fitofarmaci. Anche la raccolta, avvenuta ad ottobre, è stata realizzata manualmente e con agevolatori.

L’importanza del ‘ciclo continuo’

l'interno del frantoio battaglini

Dopo appena 6 ore dalla raccolta, le olive sono state portate presso il frantoio di famiglia. Qui, una volta terminato il lavaggio, vengono frante. La pasta ottenuta, gramolata e passata nei decanter e 3 fasi, arriva al  separatore  centrifugo  da  cui si ottiene l’olio che viene filtrato.

Viene conservato  in  contenitori  in  acciaio  inox  sotto  azoto  (per impedire  l’ossidazione)  e può essere  imbottigliato  in  vetro  scuro.  Dell’annata 2017 sono stati prodotti circa 30 ettolitri di Olio  extravergine  “Frantoio  Antica  Tuscia”  biologico.

Tutto viene svolto dalle stesse mani, nella medesima azienda. E’ dal 1975 che l’Azienda e Frantoio Battaglini conta su questo tipo di lavorazione a ciclo continuo, senza pause. Un metodo che sfrutta le nuove tecnologie per poter rispettare la qualità delle coltivazioni biologiche e del frutto, al trattarsi di olive altamente selezionate.

Dal 1935, tradizione e qualità

un olivo del raccolto battaglini

Sono passati molti anni dal primo olio realizzato con il marchio Battaglini. Ma, da allora, l’amore per la tradizione e il territorio, la sostenibilità e la cura dei dettagli sono stati il motore di questa azienda familiare.

Nello splendido scenario del lago di Bolsena, l’Azienda e Frantoio Battaglini conta un totale di 12 ettari di oliveti. Tutti terreni curati con passione e rispetto per la natura. Qui viene prestata attenzione ad ogni fase della produzione, dalle potature agli sviluppi vegetativi. L’obiettivo? Favorire la massima resa di olivi autoctoni Caninese, Leccino, Moraiolo, Frantoio e di altre varietà.

Tutto questo senza scordare l’impegno ecologico, che passa attraverso la scelta di strumenti e tecnologie sempre all’avanguardia nella tutela per l’ambiente. Per esempio, il sistema di riscaldamento dell’acqua del Frantoio Battaglini funziona utilizzando il ‘nocciolino’ di sansa mentre le acque reflue vengono recuperate e sfruttate per la fertirrigazione agricola. Tutto ciò, senza dimenticare che tutti i motori del frantoio funzionano per mezzo dell l’impianto fotovoltaico.

Il riconoscimento di Presidio Slow Food è sicuramente un risultato importante, frutto di decenni di duro lavoro ma che soprattutto premia e sottolinea l’importanza di tutelare e salvaguardare le produzioni, realizzate con tecnologia moderna ma nel rispetto delle tradizioni.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

  • Azienda Agricola e Frantoio
  • Via Cassia, km 111,700 Bolsena
  • +(39) 0761 798847
  • oliodibolsena@frantoiobattaglini.it